Dicembre 16, 2018

Visitare Alberobello, il paese dei trulli

Alberobello, in provincia di Bari, deve le sue fortune ai trulli, e dal 1996 è considerato Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco, per essere uno dei borghi più belli d'Europa. 

I trulli sono un esempio architettonico di grande valore, una testimonianza per certi aspetti unica, di una civiltà scomparsa. Costruzioni interamente in pietra, senza altri mezzi di collegamento o di sostegno. Alberobello è un borgo davvero affascinante e suggestivo, con l'imponente distesa di trulli.

alberobello

Queste spettacolari antiche costruzioni con i tetti a cupola, regalano alla cittadina un tocco pittoresco davvero originale. Una località dove è facile perdersi tra arte, cultura e storia e che richiede per una attenta visita un tempo limitato viste le sue piccole dimensioni. Alberobello offre un paesaggio molto fascinoso e quindi meglio avere a portata di mano una macchina fotografica per immortalare immagini di sicuro valore.

Una bellezza legata al complesso abitativo con le sue particolari case, ma anche una chiara espressione della storia di una delle regioni più interessanti di Italia. Il Museo del Territorio nel complesso di Casa Pezzolla, ad esempio, espone attrezzi e tante testimonianze delle vecchie tradizioni del territorio.

museo alberobello
Il Trullo Sovrano
A pochi passi dal centro pedonale, dietro la Basilica Minore dei Santi Medici, si trova il Trullo Sovrano, unico trullo di Alberobello disposto su due piani. Di antica costruzione, costituisce un vero e proprio esempio della maestria dell'arte dei trullari. Un trullo caratterizzato fortemente anche dalla scala che conduce al piano superiore, tra l'altro comoda e non ingombrante. Arrivati ad Alberobello vi risulterà difficile andare via senza aver visitato l'interno del Trullo Sovrano e il suo arredamento d'epoca. La Piazza antistante, inoltre, ospita spesso concerti, spettacoli teatrali e serate culturali.

trullo sovrano
Rione Aia Piccola
Anche questa parte di Alberobello è caratterizzata da antichi trulli che bene si sposano con le stradine e i vicoli del luogo. Nei mesi invernali, quando capita di vedere le tipiche casette innevate, il colpo d'occhio è veramente suggestivo. Nel periodo natalizio, poi, qui con il Presepe vivente l'atmosfera diventa addirittura fiabesca, con gli abitanti in costume pronti a rievocare gli antichi mestieri.

rione aia piccola
Rione Monti
Qui si trovano i trulli Siamesi che si distinguono per la particolare forma dei due coni uniti sulla sommità. I due locali oggi sono separati, ma un tempo erano comunicanti attraverso una porta. Un Rione con tante botteghe e negozi di souvenir. Una volta da queste parti, potrete visitare i trulli con il loro arredamento di un tempo e acquistare indumenti in lana, piccoli trulli in pietra, prodotti artigianali e tanto altro ancora. Le sorprese non sono finite perché sulla sommità del Rione Monti si trova la Chiesa di Sant'Antonio, edificio religioso a forma di trullo restaurato completamente nel 2004. Un interessantissimo monumento che secondo quanto racconta la tradizione è nato come simbolo di lotta contro le altre religioni.

rione monti
Casa Pezzolla
Una zona di Alberobello conosciuta anche, come già accennato, perché qui si trova il Museo del Territorio. Altra particolarità di Casa Pezzolla sono i quindici trulli comunicanti tra loro, tra cui i più antichi risalgono al lontano settecento.

La Basilica dei Santi Medici Cosma e Damiano
I due Santi sono i patroni di Alberobello e a loro è stata dedicata la Basilica, con la straordinaria facciata neoclassica. Alla fine di settembre si celebra la festa dei Santi Medici, un evento folkloristico molto bello con diversi spettacoli, capace ogni anno di suscitare l'interesse di un bel numero di visitatori. Grande risalto in questa occasione viene dato ovviamente alle processioni religiose, ma anche ai tradizionali mercatini e alla gastronomia locale.

cattedrale

Gastronomia e shopping
Viuzze piene di trulli, molti dei quali oggi sono negozi di souvenir e di prodotti tipi locali dove assaggiare amaretti, tarallucci, biscotti alle mandorle e qualche buona bevanda tipica del territorio pugliese. Prima di lasciare Alberobello, un'altra buona abitudine è quella di provare la cucina locale all'interno di un trullo – ristorante. Tante le specialità proposte come le orecchiette alle cime di rapa e i piatti di formaggi pugliesi, il tutto da gustare con uno degli eccellenti vini. Un luogo speciale anche per chi vuole dedicarsi allo shopping e acquistare vari souvenir, cartoline e ricordini di diverso genere da regalare a parenti e amici.

shopping
Visitare Alberobello, la capitale dei trulli, significa viaggiare in un paese senza tempo e partire proprio da qui per scoprire altri luoghi pugliesi ricchi di storia, bellezze naturali ed arte. Un tour emozionante e unico tra la Valle d'Itria e la Terra dei Trulli, da fare senza troppi tentennamenti.

Da Vedere ad Alberobello
I segni apotropaici dei trulli 
Il Museo del Vino "Giampiero De Santis" 
La nascita dei trulli 
La Casa d'Amore 
La chiesa del Carmine 
Il Museo del Territorio, ex Casa Pezzolla 
Il Rione dei Monti 
La chiesa di sant'Antonio da Padova 
La Zona Monumentale dei Trulli 
Il trullo Siamese 
La Basilica dei Santissimi Medici 
Il Trullo Sovrano 

Newsletter

Sempre informati sulle ultime novità, sulle offerte, sugli eventi, su tutte le iniziative e molto altro ancora.

Tweets

Alberobello, in provincia di Bari, deve le sue fortune ai trulli, e dal 1996 è considerato Patrimonio dell'Umanità… https://t.co/I4gq4cDpvf
Gravina di Puglia è una delle località nel cuore della Puglia, che racchiude in seno tesori inesplorati e affascina… https://t.co/GJExpL43e4
La storia del #barocco a #Lecce affonda le sue origini tra il XVII e il XVIII secolo, in pieno periodo della Contro… https://t.co/mgAZx6fPMS
Segui Eden Puglia su Twitter

Post Gallery

La Cattedrale di Foggia

Il Duomo di Otranto e i suoi segreti

I Messapi: i primi “salentini” della storia

Il Castello di Taranto, un guardiano della storia

Visitare Accadia

Apricena

Visitare Ascoli Satriano

Biccari e Alberona

Visitare Bovino, cosa vedere e cosa fare