Dicembre 16, 2018

Visitare Polignano, cosa vedere e cosa fare

La Puglia non smette mai di stupire, con le sue bellissime città situate lungo la costa e con i paesaggi incontaminati, perfetto mix di storia, tradizione e natura; ogni viaggio intrapreso in questa regione lascia un ricordo indelebile negli occhi dei suoi visitatori.

Questo è ciò che accade, visitando uno dei paesi più famosi e più belli di tutta la Puglia, Polignano a Mare. 

Ad appena una trentina di chilometri da Bari, lungo la costa adriatica, prima di giungere nel Salento, facilmente posizionata rispetto alle principali arterie autostradali e ben connessa con la rete ferroviaria, Polignano rappresenta un luogo di contemplazione e di evasione dalla vita frenetica delle grandi città, che attira ogni anno migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo.

polignano

Nel centro storico di Polignano il passato è ancora vivo e si percepisce il grande ruolo che ha assunto la città, grazie alla sua posizione strategica e grazie anche ai paesaggi di rara bellezza, a picco sul mare. Un'economia, quella di Polignano, da sempre legata al commercio marittimo e all'attività agricola, e solo di recente si è assistito al boom del settore turistico. Testimonianza di queste attività, sono ancora oggi i depositi di grano e di olio, i due "pilastri" di questa terra, situati nella curiosa piazza dell'Orologio.

palazzo orologio

Basta attraversare l'Arco Marchesale, che fino al XVIII secolo costituiva l'unico punto di accesso alla città, e si è nel cuore di uno dei centri storici più spettacolari del sud Italia. Si giunge così a Piazza Garibaldi, e lo sguardo cade sull'imponente monumento ai caduti dei due conflitti mondiali del secolo scorso.

Passeggiando tra le viuzze della città, si possono ammirare edifici ricchi di storia, con ingressi monumentali, ricordo dei fasti e dell'importanza che ha assunto Polignano nelle epoche passate, come il Palazzo Marchesale del '400.

arco marchesale

Il monumento che riveste maggiore importanza nella città è la chiesa di Santa Maria Assunta, chiesa che è stata cattedrale fino al 1818. Sorge sui resti di un antichissimo tempio pagano erappresenta una commistione di stili unica, con una prevalenza del romano e del gotico e con una aggiunta successiva del barocco rinascimentale. Nella frazione di Santa Barbara sono presenti reperti archeologici che testimoniano la presenza dell'uomo fin dalla preistoria e più precisamente dall'era neolitica.

Molti sono i personaggi storici legati a Polignano e altrettanti quelli appartenenti alla scena culturale e musicale più recente. In Via Tanese ad esempio, la Casa del Drago testimonia, con una incisione targa marmorea, la residenza in questo luogo del famoso sacerdote che prese parte ai moti rivoluzionari del 1848, Giuseppe Raffaele del Drago.  Sul lungomare vi è la statua dedicata al famosissimo cantante Domenico Modugno, che ebbe qui i natali e che a Polignano era molto legato.

Ancora, il museo comunale di arte contemporanea, inaugurato nel 2012 e dedicato al celebre artista Pino Pascali, è un omaggio alle sue opere, qui conservate e alla memoria di questo grande personaggio contemporaneo. Numerose le chiesette da visitare, tra le tante, quella di Sant'Antonio e quella della Trinità, risalenti al '600 e ricche di storia, legate ai padroni feudali che nell'epoca medievale e rinascimentale, che contribuirono a costruire la città così come la conosciamo ora.

Gustare un ottimo gelato sul Ponte dei due Lungomari e passeggiare fino ad arrivare di fronte allo scoglio di San Paolo, detto anche Scoglio dell'Eremita . Lo spettacolo naturale è di una bellezza che lascia senza fiato. A cominciare dalle grotte, numerose e che si possono visitare con una gita in barca lungo la costa. Una costa frastagliata a picco nel mare, e che regala uno spettacolo unico con le casette edificate a strapiombo sul litorale.

scorcio polignano

Ancora più curiose sono le cosiddette lame, frutto del fenomeno erosivo sono delle cavità nelle quali si sono venuti a formare dei piccoli tratti sabbiosi di costa. Lama Monachile è semplicemente un paesaggio da cartolina indimenticabile; con il ponte sullo sfondo, costruito in epoca romana e la spiaggetta in cui fare un bellissimo bagno.

lama monachile

Polignano dal 2008 è stata insignita tutti gli anni  del prestigioso riconoscimento della bandiera blu, indicatore di una qualità eccellente della sue acque. La sera, dopo una buona mangiata a base di pesce in uno dei tanti ottimi ristorantini del paese, ci si può far conquistare dallo spettacolo della Via Traiana, che grazie all'illuminazione, è in grado di conquistare ogni visitatore di Polignano.

Newsletter

Sempre informati sulle ultime novità, sulle offerte, sugli eventi, su tutte le iniziative e molto altro ancora.

Tweets

Alberobello, in provincia di Bari, deve le sue fortune ai trulli, e dal 1996 è considerato Patrimonio dell'Umanità… https://t.co/I4gq4cDpvf
Gravina di Puglia è una delle località nel cuore della Puglia, che racchiude in seno tesori inesplorati e affascina… https://t.co/GJExpL43e4
La storia del #barocco a #Lecce affonda le sue origini tra il XVII e il XVIII secolo, in pieno periodo della Contro… https://t.co/mgAZx6fPMS
Segui Eden Puglia su Twitter

Post Gallery

La Cattedrale di Foggia

Il Duomo di Otranto e i suoi segreti

I Messapi: i primi “salentini” della storia

Il Castello di Taranto, un guardiano della storia

Visitare Accadia

Apricena

Visitare Ascoli Satriano

Biccari e Alberona

Visitare Bovino, cosa vedere e cosa fare