Gennaio 23, 2019

Visitare Canosa di Puglia, cosa vedere e cosa fare

Canosa di Puglia è una perla archeologica situata ai piedi dell'altopiano delle Murge e facente parte della provincia della BAT (Barletta, Andria, Trani). Canosa si affaccia sul Tavoliere delle Puglie, dista 2 km dal fiume Otranto, e apre la sua magnifica vista spingendo l'orizzonte su parte dell'Adriatico.  

Grazie ai tantissimi insediamenti presenti nella zona, Canosa di Puglia è famosa da sempre per essere un centro archeologico di fondamentale importanza in Puglia e in tutta la penisola italiana.

Canosa conta quasi una quindicina di chiese sparse su tutto il territorio, ma l'attrazione maggiore per tutti i visitatori in arrivo, è senza dubbio il pittoresco centro storico.  Il centro infatti, è composto da una serie di palazzi settecenteschi ed ottocenteschi di grande pregio ed impatto visivo. I palazzi più famosi sono interamente visitabili e al loro interno si trovano musei e sedi storiche della città.

CATTEDRALE DI SAN SABINO


Nata nel VII secolo per volere dei principi Longobardi, la Cattedrale è sorta nel nuovo centro sviluppatosi durante il corso dei secoli. Lo scopo era quello di mantenere una Cattedrale meno decentrata dalle precedenti. Dedicata ai Santi Giovanni e Pietro, è stata completamente ricostruita nel XI secolo e in seguito dedicata a San Sabino.
La sua ricostruzione, avvenuta intorno al 1079-1089, è stata fortemente voluta dai normanni durante il loro periodo di occupazione e d'insediamento in Puglia.

MAUSOLEO DI BEOMONDO


Situato all'interno della Cattedrale, il mausoleo è dedicato a Beomondo I d'Antiochia ed è stato eretto nel 1111, anno di morte del principe normanno. Si nota in particolare l'ingresso al mausoleo: una grande porta di bronzo doppia, sorretta da colonne di marmo e da un'iscrizione sulla lapide che riporta il nome stesso del principe deceduto.

PALAZZO ILICETO


Questa imponente struttura è famosa per essere diventata negli anni, la location del celebre Museo delle Marionette.

PALAZZO CASIERI
Il palazzo è la sede dell'importantissimo Museo Civico Archeologico di Canosa. Esso custodisce al suo interno il risultato di scavi e ricerche che con molta soddisfazione, hanno portato alla scoperta tombe, sculture, marmi, monete, vasi e ceramiche risalenti al V-III secolo a.c. Parliamo di un lungo periodo di tempo che copre dalla preistoria, fino all'insediamento Dauno, delle tracce romane e paleocristiane e di resti di epoca bizantina e medievale.

PALAZZO SINESI
Questo edificio è ad oggi la sede della Fondazione Archeologica Canosina.

PALAZZO FRACCHIOLINA-MINERVA
Questo palazzo è interamente in tufo e risale al XIX secolo. Durante il corso degli anni, è stato unito alla Basilica di San Sabino e conta 3 piani nei quali ammirare pezzi rari appartenuti all'Arcivescovo Minerva. Si possono osservare ad esempio, i famosi guanti appartenuti a Papa Pasquale II e altre monete risalenti al medesimo periodo storico.

Sparse su tutta la pianura del territorio canosino, si trovano le notissime masserie, le aziende agricole locali dalla tipica forma a rettangolo. La Villa comunale è invece al centro del paese e al suo interno, oltre a trovar posto un grande parco ombreggiato, si trovano il monumento a Scipione l'Africano e un antico Lapidarium.

Siti Archeologici:

IPOGEI DAUNI

Scoperti quasi per caso da Sabino Varrese all'inizio del 1900 (1912), si tratta di strutture funerarie dei principi dauni. Un intricato labirinto di corridoi e stanze funerarie tra le quali spicca per importanza, la Tomba Varrese. Il corredo della tomba, composto da ben 400 oggetti diversi, si trova oggi nel Palazzo Sinesi.

TEATRO LEMBO


Sorto nel 1923 per volere di Raffaele Lembo, questo storico teatro fu ristrutturato interamente nel 2005 con la ferma volontà della città di riportare l'edificio agli antichi splendori originali. I lavori subirono un'improvvisa frenata, quando, durante gli scavi, fu trovato un intreccio di strade e strutture tipicamente arcaiche e di enorme valore storico-culturale.

IL CASTELLO

La struttura del Castello vero e proprio è ormai in rovina, ma alle sue radici si può ancora oggi ammirare la particolare torre. Situato in posizione di dominio, questo sito offre una vista mozzafiato sull'Adriatico e sull'altopiano sottostante.

UNA GITA ENOGASTRONOMICA
Passeggiando tra il tempio di Giove e l'Arco di Traiano, fino ad una escursione sul Ponte Ofanto, monumenti risalenti al periodo romano, i turisti sono rinfrancati dalle varie ghiottonerie presenti nel territorio. Dall'olio di oliva, agli strascinati, le orecchiette tipiche della zona, fino ai vini più famosi come il Rosso di Canosa. E ancora, fichi, mandorle e fichi d'India tra le leccornie tipiche offerte da Canosa.

RAGGIUNGERE CANOSA
Canosa è collegata in maniera impeccabile sia a livello autostradale perché situata proprio nello snodo più importante del Sud Italia, sia grazie ad una efficiente linea di autobus che la collegano addirittura a capitali europee.

Newsletter

Sempre informati sulle ultime novità, sulle offerte, sugli eventi, su tutte le iniziative e molto altro ancora.

Tweets

Alberobello, in provincia di Bari, deve le sue fortune ai trulli, e dal 1996 è considerato Patrimonio dell'Umanità… https://t.co/I4gq4cDpvf
Gravina di Puglia è una delle località nel cuore della Puglia, che racchiude in seno tesori inesplorati e affascina… https://t.co/GJExpL43e4
La storia del #barocco a #Lecce affonda le sue origini tra il XVII e il XVIII secolo, in pieno periodo della Contro… https://t.co/mgAZx6fPMS
Segui Eden Puglia su Twitter

Post Gallery

La Cattedrale di Foggia

Il Duomo di Otranto e i suoi segreti

I Messapi: i primi “salentini” della storia

Il Castello di Taranto, un guardiano della storia

Visitare Accadia

Apricena

Visitare Ascoli Satriano

Biccari e Alberona

Visitare Bovino, cosa vedere e cosa fare