Gennaio 23, 2019

Visitare Acquaviva delle Fonti, cosa vedere e cosa fare

Acquaviva delle Fonti è un comune facente parte della provincia di Bari, sorge nell'entroterra pugliese, non distante dalla costa adriatica e da quella ionica, e deve il suo nome alla grande falda acquifera che scorre nel suo sottosuolo. 

La località comprende la frazione di Murgia Alta e il Bosco di Mesola. Quest'ultimo si estende per oltre 3000 ettari e rappresenta un luogo perfetto per escursioni mozzafiato. 

Si tratta di un'area carsica di vaste dimensioni, dal fascino elevato sotto il punto di vista puramente archeologico. Anche la fauna è rigogliosa, con la possibilità di osservare numerosi rapaci come ad esempio il falco grillaio. Per quanto riguarda la flora, è da segnalare la presenza di varie orchidee piuttosto rare e di querce protette quali il fragno e la roverella. All'interno della Murgia Alta, è possibile passeggiare lungo il Parco della Corte e il Bosco della Vallata. Nel Bosco di Mesola si può effettuare un'escursione presso il Parco dei Briganti, posto a circa un chilometro dal centro di Acquaviva delle Fonti.

E' un'area piuttosto vasta, nella quale chiunque può scegliere di praticare varie discipline sportive. Tra queste, da segnalare la mountain bike, i percorsi sospesi sugli alberi e a piedi nudi, le escursioni a cavallo, il nordic walking, il trekking. Ogni singolo percorso si inquadra in uno scenario altamente suggestivo, circondato da una natura incontaminata. Interessante è anche l'Oasi del WWF intitolata a Gioacchino Carone, che protegge oltre 2,5 ettari di bosco.

La cittadina di Acquaviva delle Fonti offre ai propri visitatori l'opportunità di poter osservare diversi monumenti dall'elevato interesse artistico e culturale. Ad esempio, il Centro Antico si contraddistingue per un'elevata concentrazione di edifici religiosi rilevanti. In questo ambito, è da segnalare la chiesa di San Benedetto, dallo stile barocco e da una facciata per una metà in pietra e per l'altra in tufo. Le colonne sono rinascimentali, mentre al di sopra si trova la statua del Santo. Importante è anche la chiesa dell'Immacolata Concezione, risalente al Seicento.

palazzo de mari
L'Immacolata viene raffigurata in un quadro del fiammingo Hovic, nel quale ha le braccia allargate per simboleggiare la protezione nei confronti dei fedeli. Sulle facciate, vi sono diversi episodi della vita della Vergine Maria. Tra gli altri monumenti di interesse, bisogna menzionare la concattedrale di Sant'Eustachio, il Palazzo De Mari-Alberotanza e la Chiesa di Santa Maria Maggiore.

cattedrale

torre orologio
Acquaviva delle Fonti si caratterizza anche per una lunga serie di feste e sagre che si tengono in determinati periodi dell'anno. La celebrazione principale riguarda la festa patronale della Madonna di Costantinopoli, che si tiene nei primi giorni di settembre e culmina il primo martedì del mese. In questo giorno, il sindaco di Acquaviva affida le chiavi della città alle mani della Vergine Maria, che viene condotta in processione durante la serata. Inoltre, viene lanciata una mongolfiera che pesa circa un quintale.

Interessante è anche la Sagra della Cipolla Rossa, uno dei simboli della località barese. Si tratta di un alimento dal sapore estremamente dolce, prodotto in modo limitato perché coltivato tramite metodi tradizionali. Un sistema perfetto per fare in modo che la pietanza mantenga il suo aroma inconfondibile. Si tiene alla fine di luglio. Il terzo fine settimana di ottobre è dedicato alla Sagra del Calzone di Cipolla. Rilevante anche la Festa del Vino Primitivo e del Cece Nero, che si tiene alla fine di novembre e vede le strade del centro storico della città riempirsi di stand enogastronomici e mostre di vetture d'epoca. Un'occasione imperdibile per degustare il vino tipico della zona e il legume più apprezzato della Murgia.

Newsletter

Sempre informati sulle ultime novità, sulle offerte, sugli eventi, su tutte le iniziative e molto altro ancora.

Tweets

Alberobello, in provincia di Bari, deve le sue fortune ai trulli, e dal 1996 è considerato Patrimonio dell'Umanità… https://t.co/I4gq4cDpvf
Gravina di Puglia è una delle località nel cuore della Puglia, che racchiude in seno tesori inesplorati e affascina… https://t.co/GJExpL43e4
La storia del #barocco a #Lecce affonda le sue origini tra il XVII e il XVIII secolo, in pieno periodo della Contro… https://t.co/mgAZx6fPMS
Segui Eden Puglia su Twitter

Post Gallery

La Cattedrale di Foggia

Il Duomo di Otranto e i suoi segreti

I Messapi: i primi “salentini” della storia

Il Castello di Taranto, un guardiano della storia

Visitare Accadia

Apricena

Visitare Ascoli Satriano

Biccari e Alberona

Visitare Bovino, cosa vedere e cosa fare