Dicembre 16, 2018

Visitare Monte Sant'Angelo, cosa vedere e cosa fare

Monte Sant'Angelo, oltre che un borgo medievale ricco di chiese e monumenti, deve la sua notorietà, per essere un importante centro spirituale.

Un itinerario religioso, meta da qualche secolo, di numerosi devoti pellegrini che ogni anno raggiungono il più alto borgo del Gargano. La sua posizione, infatti, è molto invitante, il panorama che si può osservare dall'alto di Monte Sant'Angelo è straordinario, poichè domina tutto il golfo di Manfredonia.

Santuario di San Michele Arcangelo
Patrimonio dell'Unesco, la sua costruzione risale al XIII secolo. Di notevole interesse l'ingresso ad arcate e l'annesso campanile ottagonale che per certi aspetti richiamano i torrioni di Castel del Monte. Il campanile è anche detto torre angioina in quanto eretta da Carlo d'Angiò. Bellissima la celebre grotta dell'apparizione, dove forte risalto è dato alla statua raffigurante l'arcangelo. Presente nella grotta anche la statua di San Sebastiano.

santuario san michele

chiesa san michele
All'interno del Santuario tre cappelle, alcuni quadri e affreschi. Nel corso degli anni sono stati milioni i pellegrini che si sono recati in questo luogo di culto antico e, tra essi, diversi papi come Celestino V, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. Nel giugno del 2011 per il Santuario di San Michele Arcangelo è arrivato un importante riconoscimento: è diventato Patrimonio Mondiale dell'Umanità Unesco, entrando a far parte a pieno titolo tra i beni culturali più autorevoli del mondo.

Santa Maria Maggiore
Questa chiesa si trova nel centro del paese, di origine molto antica presenta una facciata in stile romanico. Il suo interno è diviso in tre navate, mentre le pareti offrono delle belle decorazioni con raffigurazioni di Angeli e Santi. Di grande spessore artistico un dipinto di San Francesco, uno degli affreschi più antichi conosciuti in Puglia.

chiesa santa maria maggiore
Il Castello di Monte Sant'Angelo
Nella parte alta dell'abitato si erge un altro luogo molto interessante di Monte Sant'Angelo: il Castello, una fortezza risalente alla prima metà del IX secolo costruita per volere di Orso I, vescovo di Benevento. Particolarmente imponente è una delle sue parti più vecchie, la Torre dei Giganti alta circa 18 metri e con delle mura spesse 3 metri. Il castello era dotato di zone residenziali, ma non mancavano locali destinati a carcere. La struttura nel corso del tempo ha subito diverse modifiche, tra le quali il potenziamento con due torri tronco – coniche. Grazie a una scala si accede ai piani superiori, dove visitare la Sala del Tesoro: un grande ambiente illuminato da una sola finestra e particolarmente suggestivo.

castello
Rione Junno
Un rione di chiara origine medievale sviluppato lungo i margini di un precipizio. La sua particolare struttura lo rende simile a un presepe, con tante piccole case a schiera ad un solo piano e tutte di colore bianco. Nelle vicinanze da vedere anche il museo delle arti e tradizioni garganiche Tancredi, con diverse attrezzature da lavoro, strumenti musicali, costumi e tanto altro ancora: vere e proprie testimonianze della vita e delle arti dei popoli del promontorio.

rione junno
Shopping
Una volta a Monte Sant'Angelo difficile restare indifferenti all'artigianato locale, incentrato sulla lavorazione della pietra locale, del ferro battuto e del legno. Pezzo forte perché unica nel suo genere è la statua dell'Arcangelo San Michele, prodotta in pietra locale. Molto caratteristici anche i mestoli, i forchettoni e i piatti fatti in legno.

Gastronomia
Come ogni luogo della Puglia, Monte Sant'Angelo vanta una grossa tradizione culinaria: una fama legata principalmente al Pane di Monte, che può arrivare a pesare addirittura fino a 6/7 Kg a pagnotta e che si può tranquillamente mangiare anche dopo alcuni giorni dalla sfornata. E poi gli Scaldatelli, ottimi taralli salati che bene si accompagnano a un buon bicchiere di vino o di birra. Tra i formaggi spicca il classico Caciocavallo Podolico, mentre l'olio extravergine di oliva resta il condimento per eccellenza delle genuine ricette locali.

Newsletter

Sempre informati sulle ultime novità, sulle offerte, sugli eventi, su tutte le iniziative e molto altro ancora.

Tweets

Alberobello, in provincia di Bari, deve le sue fortune ai trulli, e dal 1996 è considerato Patrimonio dell'Umanità… https://t.co/I4gq4cDpvf
Gravina di Puglia è una delle località nel cuore della Puglia, che racchiude in seno tesori inesplorati e affascina… https://t.co/GJExpL43e4
La storia del #barocco a #Lecce affonda le sue origini tra il XVII e il XVIII secolo, in pieno periodo della Contro… https://t.co/mgAZx6fPMS
Segui Eden Puglia su Twitter

Post Gallery

La Cattedrale di Foggia

Il Duomo di Otranto e i suoi segreti

I Messapi: i primi “salentini” della storia

Il Castello di Taranto, un guardiano della storia

Visitare Accadia

Apricena

Visitare Ascoli Satriano

Biccari e Alberona

Visitare Bovino, cosa vedere e cosa fare