Gennaio 23, 2019

Taranto, prelibatezze gastronomiche da gustare in ogni periodo dell’anno

A Taranto, meravigliosa città di mare e antichissima colonia magno greca definita la città dei due mari grazie alla sua posizione geografica a cavallo del Mar piccolo e Mar grande, storia e bellezza si incontrano ad ogni angolo cittadino.

Il percorso enogastronomico da vivere è di sicuro interesse anche per i palati più esigenti. Famose sono le leccornie a base di pesce servite nei locali del centro storico. Il pescato è vario e permette la realizzazione di piatti saporiti come le famose zuppette di pesce variegate in colori e sapore e le fritture preparate con pesce fresco di giornata. Portate a base di ostriche e cozze condite costituiscono ottimi e prelibati antipasti da gustare accompagnati a calici di ottimo vino prodotto sul territorio.

zuppa di pesce

Particolare pietanza di sapore è il tarantello vera e propria rarità nel campo degli insaccati, si tratta infatti di un insaccato elaborato con un impasto di ventresca di tonno macinata e speziata;  famosissime prelibatezze tarantine sono anche le cozze arraganate: cozze farcite di mollica di pane, origano, aglio, olio, prezzemolo e pomodoro passati in forno.

cozze gratinate

Anche a Taranto ortaggi e verdure fresche insieme ai legumi costituiscono l’importante base per la dieta meditteranea; i formaggi caserecci, provole dolci e affumicate, possono essere degustati con del buon pane cotto a legna accostandolo a fianco di prelibate bottiglie di vino prodotte in loco. 

La puccia alla vampa, (alla fiamma)  è la rivisitazione tarantina della classica puccia salentina. L’impasto è a base di farina di semola e viene preparato un disco di pasta e infornato, il disco aumenta il volume cuocendo e il risultato è un dischetto di pane morbido con poca mollica. La tradizione tarantina vede questo tipo di puccia farcita con olio extravergine di oliva pugliese, sale e ricotta forte, semi di pomodoro fresco o in alcuni casi condito con cime di rapa stufate e leggermente piccanti.

puccia

Le 
pètteleche nel Tarantino vengono condite con zucchero o sale, sono pallottole di pasta lievitata molto morbida fritte nell'olio bollente, tipiche della Regione Puglia. I dolci più tipici sono piccoli e a base di pasta di mandorle, molto buona da queste parti e ogni pasticceria sceglie di prepararla sempre fresca.

pettole

I sannacchiudde sono, invece, piccolissimi pezzettini di pasta fritti conditi con miele, rinominati i dentini di Gesù e rappresentano una tipicità dolciaria tarantina.Buon cibo e un ricco paesaggio arricchiscono di valore questa terra che vanta una storia ed una bellezza uniche.

 sannachiude

Newsletter

Sempre informati sulle ultime novità, sulle offerte, sugli eventi, su tutte le iniziative e molto altro ancora.

Tweets

Alberobello, in provincia di Bari, deve le sue fortune ai trulli, e dal 1996 è considerato Patrimonio dell'Umanità… https://t.co/I4gq4cDpvf
Gravina di Puglia è una delle località nel cuore della Puglia, che racchiude in seno tesori inesplorati e affascina… https://t.co/GJExpL43e4
La storia del #barocco a #Lecce affonda le sue origini tra il XVII e il XVIII secolo, in pieno periodo della Contro… https://t.co/mgAZx6fPMS
Segui Eden Puglia su Twitter

Post Gallery

La Cattedrale di Foggia

Il Duomo di Otranto e i suoi segreti

I Messapi: i primi “salentini” della storia

Il Castello di Taranto, un guardiano della storia

Visitare Accadia

Apricena

Visitare Ascoli Satriano

Biccari e Alberona

Visitare Bovino, cosa vedere e cosa fare