Gennaio 23, 2019

Sentiero dei Mergoli: trekking tra mare e montagna

Sul Gargano c’è un posto meraviglioso che unisce la natura della montagna a quella del mare: Sentiero dei Mergoli.

Un percorso suggestivo ad anello, lungo solo 2,5km a 140m.s.l.m., in prossimità di Vignanotica (Mattinata). Se vi piace fare trekking anche per emozionarvi ed innamorarvi dinanzi alle ricchezze della natura, questo itinerario calza proprio a pennello! Tale percorso, conosciuto anche come il "Sentiero dell’Amore", è particolarmente rinomato per la singolarità del suo paesaggio, di cui ogni passante se ne innamora a prima vista: si tratta di uno dei cammini attrezzati più belli della Daunia. 

Nella prima parte, ci si incammina da nord, dalla litoranea Mattinata-Vieste, dall’ultimo tornante verso una vecchia mulattiera, trasformata in pista per le attività antincendio e forestali, diramandosi successivamente nella stradina che conduce ai campeggi di Vignanotica. Dopo aver percorso qualche metro, vi affaccerete su una rustica staccionata in legno, a ridosso dello splendido scorcio di Baia delle Zagare, un panorama che incornicia i famosi faraglioni (residui di roccia calcarea consumati da vento e mare), la Finestrella dei Sogni e l’Arco di Diomede, attrazioni principali nel tour garganico.

arco diomede
Qui inizierete a percepire i primi segni della macchia mediterranea bassa: rosmarino selvatico, fichi d’india, fillirea e lentisco. Proseguendo il cammino, troverete a sinistra un folto bosco e a destra l’orizzonte del mare. Dopo circa 1,5km, qualora foste stanchi, una delle tipiche pinete attrezzate vi accoglierà sotto la piacevole e profumata ombra del pino d’aleppo con altre bellissime specie di vegetazione: mandorli ed uliveti. 

Proprio in questo primo tratto, durante la stagione primaverile, si potrà assistere alla fioritura della Violaccia, una rara specie di viola presente solo in Dalmazia, oltre che sul Gargano. In concomitanza sbocceranno anche meravigliose orchidee selvatiche. Ma in questa zona del promontorio, il trekking è praticabile tutto l’anno, sta a voi scegliere quando!

Una volta giunti al bivio, sarete quasi al termine: la strada prosegue in discesa, tra le falesie bianche che cadono a picco sulla Baia di Vignanotica, esotica spiaggia dai ciottoli bianchi, dove rimarrete incantati dalle immense pareti di roccia, che si affacciano imponenti sul mare. Ma lo spettacolo continua! Sul Gargano, infatti, grazie alla pingue vegetazione, non può che presentarsi anche una ricca fauna.

baia dei faraglioni
Il consiglio è quello di attrezzarvi di binocolo, poiché in questo preciso punto, vi è un ulteriore sosta attrezzata, che vi consentirà di avvistare gli animali selvatici d’allevamento, ospitati nella zona di Santa Tecla, ex riserva di caccia. E non meravigliatevi, se avvisterete esemplari rari di rapaci come il Gheppio, il Corvo imperiale, la Rondine rossiccia, il Falco Pellegrino e la Taccola. 

Ogni stagione presenta comunque uno spettacolo meraviglioso: un tripudio di profumi e colori derivati dai frutti selvatici, ma anche dalle migrazioni degli animali. Ad esempio in inverno troverete nidi di Cormorani, invece il Rondone Pallido colonizza l’area solo in estate. In questo periodo, però, fate ben attenzione alle elevate temperature. 

Il Green Garden (S.G. Rotondo), il Pizzicato B&B e Hotel Vela Velo (Vieste) saranno le location giuste per un eco-soggiorno da favola immerso nella natura. 

Fatevi incantare da paesaggi mozzafiato! 

Newsletter

Sempre informati sulle ultime novità, sulle offerte, sugli eventi, su tutte le iniziative e molto altro ancora.

Tweets

Alberobello, in provincia di Bari, deve le sue fortune ai trulli, e dal 1996 è considerato Patrimonio dell'Umanità… https://t.co/I4gq4cDpvf
Gravina di Puglia è una delle località nel cuore della Puglia, che racchiude in seno tesori inesplorati e affascina… https://t.co/GJExpL43e4
La storia del #barocco a #Lecce affonda le sue origini tra il XVII e il XVIII secolo, in pieno periodo della Contro… https://t.co/mgAZx6fPMS
Segui Eden Puglia su Twitter

Post Gallery

La Cattedrale di Foggia

Il Duomo di Otranto e i suoi segreti

I Messapi: i primi “salentini” della storia

Il Castello di Taranto, un guardiano della storia

Visitare Accadia

Apricena

Visitare Ascoli Satriano

Biccari e Alberona

Visitare Bovino, cosa vedere e cosa fare