Dicembre 16, 2018

Terracotte, ceramiche e maioliche

La terracotta è un materiale in uso da migliaia di anni. In cucina, per i lavori domestici o per scopi devozionali, gli oggetti di ceramica, tuttavia, fanno parte ancora oggi della vita quotidiana. 

In Puglia, la ceramica è un’arte antica che si esprime in due stili principali: lo stile ‘caposanara’, utilizzato per la produzione di utensili da cucina, e lo stile ‘faenzara’, per manufatti di pregio destinati un tempo all’aristocrazia.

In terracotta sono ciotole, legumiere, bicchieri, oliere, lumi, vasi da erboristeria e le capase, una sorta di giare in cui si conservava il vino, l’olio d’oliva o i fichi secchi, oggi diventate veri oggetti d’arredo. Le terrecotte pugliesi si contraddistinguono per i loro decori, rigorosamente fatti a mano e con smalti naturali, creati con ricette segrete che si tramandano di padre in figlio. Un tempo decoro usato sui piatti dei pranzi nuziali, oggi il galletto è il simbolo tipico raffigurato sulle ceramiche pugliesi. Anche grazie al territorio circostante ricco di argilla, Grottaglie, in provincia di Taranto, è la città regina della produzione di ceramiche. Con un quartiere che conta più di cinquanta botteghe di mastri ceramisti, la città ospita il Museo della Ceramica nelle ex stalle del Castello Episcopo.

La collezione comprende circa quattrocento manufatti suddivisi in quattro sezioni. In quella della ‘Ceramica d’uso’ sono ospitati oggetti destinati alla dispensa, alla pulizia degli indumenti e delle stoviglie e alla cucina risalenti al XVII-XX secolo. Nella sezione ‘Archeologia’ si possono ammirare reperti riconducibili all’VIII-IV secolo a.C. ritrovati negli scavi della Masseria Vicentino e del Monastero delle Benedettine di Manduria. Infine, il museo ha dedicato una sezione alle maioliche e una ai presepi.

Di ceramica sono i famosi pumi, una sorta di boccioli stilizzati e un po’ appuntiti racchiusi in foglie d’acanto. Colorati, monocromi o a forma di pigna, i pumi sono simbolo di prosperità e oggetti contro il male. Per questo decorano balconi e colonne di molte case pugliesi e non solo.

Ti potrebbero interessare anche

Newsletter

Sempre informati sulle ultime novità, sulle offerte, sugli eventi, su tutte le iniziative e molto altro ancora.

Tweets

Alberobello, in provincia di Bari, deve le sue fortune ai trulli, e dal 1996 è considerato Patrimonio dell'Umanità… https://t.co/I4gq4cDpvf
Gravina di Puglia è una delle località nel cuore della Puglia, che racchiude in seno tesori inesplorati e affascina… https://t.co/GJExpL43e4
La storia del #barocco a #Lecce affonda le sue origini tra il XVII e il XVIII secolo, in pieno periodo della Contro… https://t.co/mgAZx6fPMS
Segui Eden Puglia su Twitter

Post Gallery

La Cattedrale di Foggia

Il Duomo di Otranto e i suoi segreti

I Messapi: i primi “salentini” della storia

Il Castello di Taranto, un guardiano della storia

Visitare Accadia

Apricena

Visitare Ascoli Satriano

Biccari e Alberona

Visitare Bovino, cosa vedere e cosa fare