Il Parco Nazionale del Gargano: la Foresta Umbra

foresta-umbra

Non tutti sanno che in origine, la penisola del Gargano, era un’isola ricca di vegetazione, che si unì successivamente con la terra ferma, diventando quello che noi conosciamo come sperone d’Italia.

Divenuto Parco Nazionale del Gargano, la Foresta Umbra, per la sua bellezza paesaggistica, è un sito davvero unico nel nostro Paese. Infatti, la varia configurazione naturalistica che in questa zona è più che evidenziata, regala non solo dei meravigliosi paesaggi naturalistici, ma anche degli habitat naturali incontaminati, che caratterizzano questo territorio protetto. Al fine di tutelare e proteggere la flora e la fauna ivi presente, la Foresta Umbra è stata suddivisa in quattro zone, e ciascuna delle quali presenta una particolare "accessibilità", sia per le persone, che per le auto.

La zona A è quella più interna ed è severamente proibita a tutti,m per proteggere la serenità e la riservatezza degli animali che qui si riproducono.
La zona B , anch’essa protetta, è tuttavia accessibile seguendo severissimi criteri, decisi per tutelare e non molestare gli animali presenti.
La zona C è quella dov’è consentita l’entrata anche con le vetture.
La zona D è quella dove sono ubicati i comuni che sono inseriti nel Parco Nazionale.

E' facilmente intuibile, come la visita di questi spazi incontaminati, offre l’opportunità di ammirare la natura in tutto il suo splendore dove, alberi secolari si contendono il terreno con un formidabile sottobosco ricco di vegetazione. Facenti parte di questo territorio sono i comuni di Vico del Gargano, Peschici, Vieste, Monte Sant’Angelo e Carpino.

Flora e fauna

Le diversissime specie di alberi e di piante, il sottobosco, l’habitat naturale incontaminato, le specie animali e di uccelli che la popolano in piena armonia, rendono la Foresta Umbra un luogo, che mantiene integra, la sua originale configurazione millenaria;  grazie alla presenza di alberi giganteschi e frondosi, dove i raggi del sole penetrano a fatica, e un sottobosco particolarmente intrigante, dove nascono meravigliose orchidee, la Foresta Umbra diventa un luogo prezioso, per tutti gli studiosi e gli amanti della flora e della fauna che popolano questo territorio. 

La Foresta Umbra può suddividersi in una zona alta, popolata da faggi alti fino a trenta metri, una zona intermedia, dove crescono querce e cerri ed infine, la zona bassa, piena di lecci. Molti gli alberi centenari, come un Pino d’Aleppo che conta ben sette secoli, ubicato tra San Menaio e Peschici, e un Cerro di Vico, che ha oltre quattrocento anni, un diametro di cinque metri, e che è situato dirimpetto al Santuario di San Francesco a Vico del Gargano.

Itinerari

Chi visita il Parco Nazionale del Gargano e la Foresta Umbra, non può non visitare le località che fanno parte del suo territorio. Ad esempio Vico del Gargano, un paese ricco di storia, testimoniata dal castello e dalla sua poderosa cinta muraria. Ma Vico è famoso anche per essere il paese dell’amore, per via di una stradina del centro storico particolarmente stretta, che si chiama Vicolo del Bacio e dove, il 14 febbraio, molte coppie, la scelgono come luogo di incontro.

Monte Sant’Angelo, è famoso per il Santuario di San Michele Arcangelo, al cui interno è presente la grotta, dove nel 490 d.c, apparve l'arcangelo Michele, e da allora, è divenuta meta di pellegrinaggi religiosi. Oggi, il borgo, fa parte del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO, anche per la presenza di altri importanti monumenti, come la Chiesa di Santa Maria Maggiore, il castello e la Tomba di Rotari.


Peschici e Vieste, sono due tra le località più frequentate dai turisti, che decidono di trascorrere le vacanze sul Gargano; località caratterizzate da un mare limpido e pulito, tanto da meritarsi ogni anno la Bandiera Blu. Le coste del Gargano sono caratterizzate da antichissime attrezzature da pesca, i pittoreschi trabucchi. Da entrambe le località è possibile imbarcarsi per raggiungere le bellissime Isole Tremiti.

La Foresta Umbra è anche il luogo ideale per gli amanti del bird watching e gli appassionati di fotografia naturalistica, che in questi luoghi potranno osservare molte specie faunistiche, interessanti e rare. Ma è anche un posto dove divertirsi, esplorando i sentieri della Foresta, in mountain bike o facendo trekking, per godere di bellezze naturali rare da trovare.