Orchidee del Gargano

orchidee-gargano

Il promontorio del Gargano, si caratterizza per la particolare posizione geografica, per l'enorme varietà di ambienti naturalistici e per la peculiare morfologia del territorio, tutti fattori che hanno portato allo sviluppo di una flora estremamente ricca e differenziata. Con più di 2.500 specie botaniche, il Gargano ospita il 35% dell'intera flora nazionale, tra cui biodiversità peculiari.

Il Gargano, è considerato un vero paradiso per fioritura diorchidee spontanee: ne sono state catalogate 89 specie diverse (il 70% di tutte le specie che crescono in Europa ed il 90% di tutte le specie di orchidee della Puglia), appartenenti a 17 generi. Alcune specie crescono in tutta l'Italia centro-meridionale, ma altre sono peculiari dell'area (sono chiamate endemismi puntiformi). Ciò è dovuto al fatto che il Gargano è un'area isolata, da cui difficilmente si può accedere dall'entroterra: in questo modo, le specie endemiche di orchidee del Gargano sono rimaste protette ed isolate geneticamente.

Le orchidee del Gargano vengono impollinate esclusivamente dagli insetti (vespe, calabroni, api e bombi), altro fattore che ha permesso l'estrema diversificazione delle specie. Per tutte queste ragioni, le orchidee del Gargano, sono un'attrazione assolutamente imperdibile per gli appassionati di questo genere di fiori, botanici che vengono da tutto il mondo.

Il genere di orchidee più diffuso è quello Ophrys, che accoglie oltre 60 specie: tra esse troviamo la rarissima Ophrys lacaitae (presente solo nel Gargano), la Ophrys barlia robertiana, la Ophrys apulic (specie endemica) e la garganica. Appartengono invece al genere Orchis la cangiante orchis purpurea, l'Orchis quadripunctata e la rarissima limodorum abortivum. 

Questa orchidea viene chiamata così perché ha foglie squamiformi, che possono sembrare abortite (in latino "abortus" significa appunto aborto). Alta dai 20 agli 80 centimetri, ha fiori grandi e robusti nelle tonalità del viola (violaceo oppure bruno-violaceo): sono riuniti in infiorescenze a racemo (cioè lunghe) in un numero che va da 8 a 20. Il periodo di fioritura va da metà aprile a fine giugno e cresce nelle macchie, nei boschi di latifoglie e di conifere e nelle radure, fino ad un altitudine di 1800 metri, preferibilmente su di un terreno calcareo. Un luogo che sembra essere l'habitat ideale per le orchidee è il territorio appartenente al comune di Mattinata: in provincia di Foggia, ospita oltre sessanta varietà di orchidee.

Per questo motivo, Mattinata è una meta imprescindibile per gli appassionati di orchidee, ed un punto di partenza perfetto per iniziare un'escursione nell'habitat di questi splendidi fiori. Il periodo migliore è la primavera, precisamente tra aprile e maggio: in questi due mesi sono numerosissime le orchidee in fioritura. Le orchidee sono il simbolo a livello mondiale, non sono di Mattinata ma dell'intero Gargano.

Mattinata è famosa anche per ospitare due stazioni di fioritura su tre (l'altro di trova a Vieste) dell'Ophrys speculum (ofride specchio). Cresce nelle macchie, nelle garighe e nelle praterie, dove fiorisce da marzo ad aprile. Alta dai 5 ai 20 centimetri, ha foglie inferiori disposte a rosetta dalla forma ovale e lanceolata. I fiori sono raccolti in infiorescenze in numero che varia dai 2 agli 8: i petali sono corti, di colore porpora, mentre i sepali sono bruni e verdastri con striature brune. La caratteristica che permette di distinguere immediatamente la specie è la grande macchia argenteo-blu e bordata di giallo sul labello.