Il litorale di Siponto

siponto

Il litorale di Siponto è la costa appartenente alla frazione omonima della città pugliese di Manfredonia (in provincia di Foggia), a due chilometri di distanza dal centro storico.

Si tratta di una accogliente zona residenziale, ma nell'antichità era essa stessa una città portuale della regione Apulia ed una delle più importanti e famose colonie romane.

Infatti, anche se secondo la leggenda è stata fondata dall'eroe omerico Diomede, Siponto era una prospera colonia greca, sede di importanti traffici commerciali e marittimi. Il nome della città, tra l'altro, deriverebbe dal nome Sepiunte, a causa dell'abbondante pesca di seppie che vi si teneva in passato. Passata sotto il dominio dei sanniti e poi del re dell'Epiro, nel 189 a.C. fu conquistata dai Romani.

Una leggenda narra anche come a Siponto venne istituita, direttamente da San Pietro, una delle prime sedi vescovili in Italia. Quel che è certo, invece, è che, durante la dominazione svesa (XIII secolo), la città di Siponto fu distrutta da una serie di terremoti: qualche anno più tardi fu il re Manfredi di Sicilia ad ordinare la ricostruzione della città in una nuova pozione. Il nuovo centro ebbe così il nome di Manfredonia.

Lido di Siponto

Il Litorale del Siponto è famoso soprattutto per il suo lido. Si tratta di un conosciuto centro balneare molto frequentato. La maggior parte degli ospiti sono pugliesi provenienti dalle città della Capitanata, ma si trovano anche italiani provenienti da tutto il territorio nazionale e stranieri. A livello turistico il centro è conosciuto con il nome Lido di Siponto. La sua nascita risale agli anni Trenta e Quaranta, quando fu avviata la bonifica delle paludi locali da parte del Consorzio di bonifica della Capitanata.

Con l'opera di risanamento, parte dei territori diventarono campi agricoli, mentre sugli altri furono costruite villette residenziali. Con gli anni, il Lido di Siponto divenne sempre più conosciuto sia a livello locale che nazionale: interessato da un buon livello di frequentazione, presenta spiagge di sabbia fine, chiara e dorata. Esposta ad est, nord-est, è in parte gestita ed in parte libera e si trova proprio nella zona in cui inizia il promontorio del Gargano. Si estende per più di 20 chilometri ed è dotata di uno splendido mare verde smeraldo e di molti servizi (bar, campeggi, alberghi, ristoranti e stabilimenti balneari).


Inoltre, sul Litorale del Siponto si può godere delle straordinarie bellezze della natura del Gargano. Il comune di Manfredonia (e di conseguenza anche Siponto), infatti, fa parte del Parco Naturale del Gargano: uno dei punti di forza del territorio è la scogliera a sud, non interessata dalla costruzione del porto turistico.

Qui è possibile praticare il birdwatching in tutte le stagioni dell'anno: tra gli uccelli avvistabili vi sono gabbiani di varie specie, cormorani, aironi, martin pescatori, garzette, anatre (sia di passaggio durante la migrazione che svernanti lì), limicoli, spatole e tantissimi uccelli migratori. 

Altra zona naturale molto importante sul Litorale di Siponto è la grande pineta facente parte del demanio del comune: si estende per oltre due chilometri (25 ettari) sulla spiaggia da Siponto fino alla foce del Candelaro. Costeggia lo splendido golfo di Manfredonia ed è stata interessata recentemente da lavori di rimboschimento da parte del Corpo forestale dello Stato.

Siti Archeologici

Infine, il Litorale del Siponto è uno dei siti archeologici di più grande importanza non solo del Gargano ma anche dell'intero territorio italiano. Tra i più famosi monumenti e luoghi di interesse della zona vi sono due ipogei neolotici (si trovano all'interno del territorio della pineta di Siponto), catacombe nel sottosuolo della chiesa di Santa Maria Regina ed il santuario di Santa Maria Maggiore.


Antica cattedrale, nei suoi dintorni sorge una basilica paleocristiana: quest'ultima fa parte del parco archeologico dove si trovano altri ipogei e gli scavi della città antica. Altri monumenti sono l'Abbazia di San Leonardo in Lama Volara (risalente al XII secolo) e la Fontana Piscitelli, costruita negli anni Trenta. Attualmente si trova nel borgo a nord di Siponto, nel paese di pescatori Case Marinare.

Itinerari

Da Siponto partono anche numerosi itinerari turistici attraverso il Gargano. Tra questi troviamo itinerari che portano il turista fino a Monte Sant'Angelo e, seguendo il promontorio del Gargano, al paese di San Giovanni Rotondo (dove si trova la tomba di Padre Pio), quello di San Marco in Lamis e quello di Vico del Gargano. Inoltre, seguendo la strada panoramica litoranea, un altro itinerario conduce dal Litorale di Siponto a Sannicandro Garganico.